IL GIARDINO DEL BAOBAB

IL GIARDINO DEL BAOBAB ONLUS

Parma, via Catullo 10, presidente Brunetta Zinelli                        Reggio Emilia, via Manenti 31, presidente Marialisa Acerbi

La Tecnica della Comunicazione Facilitata Alfabetica (CFA Comunicazione Facilitata Alfabetica – Tecnica Alternativa del Linguaggio®) si sviluppa sul territorio emiliano a partire dal 1997 e viene proposta a diversi bambini con disabilità differenti. Crescendo questi ragazzi e ragazze (provenienti da Reggio Emilia, Parma e Modena) espressero il desiderio di riunirsi in un’associazione culturale che promuovesse la cultura dell’Unicità̀ della persona e della differenza come risorsa, di dare voce e riconoscimento al pensiero ricco e profondo di chi finora era costretto al silenzio perché́ non in possesso di linguaggio vocale, per creare occasioni di incontro, di conoscenza e di riflessione. Nacque così Il giardino del Baobab a Parma, che nel 2006 si trasformò in Associazione di volontariato Onlus.  In questi anni ha promosso e organizzato moltissimi eventi, corsi, aggiornamenti e incontri. Nel 2012 è nato anche il Giardino del Baobab di Reggio Emilia, in stretta collaborazione con Parma. I ragazzi e le ragazze, ad oggi, hanno una fascia d’età  che va dai 12 ai 40 anni.

Il Giardino del Baobab si propone in particolare i seguenti scopi:

  • prestare servizi di assistenza sociale e a tutela dei diversamente abili e delle loro famiglie;
  • attivare e diffondere la comunicazione interpersonale attraverso la Comunicazione Facilitata Tecnica Aumentativa Alternativa Alfabetica del Linguaggio® ed altre forme di comunicazione non verbale, allo scopo di dare voce alle persone con difficoltà di comunicazione vocale;
  • promuovere la cultura della Unicità della persona e della diversità come risorsa;
  • prevenire e rimuovere situazioni di isolamento, di emarginazione e di istituzionalizzazione dei diversamente abili, attivando tra la popolazione interesse e partecipazione ai problemi degli stessi;
  • creare elementi di socializzazione favorendo relazioni interpersonali con persone di cultura, età, posizione sociale, condizioni fisiche e mentali differenti, permettendo a questi di comunicare, scoprire e valorizzare le proprie inclinazioni e capacità;
  • svolgere in genere ogni altra attività e servizio che fossero ritenuti utili nell’interesse dei diversamente abili e delle loro famiglie;
  • sviluppare incontri e rapporti di collaborazione con le Istituzioni pubbliche, gli Enti e le Associazioni operanti nel settore, privilegiando costanti collegamenti con organi amministrativi pubblici, cui spetta, per compiti d’Istituto, favorire e sostenere le attività delle Associazioni di volontariato che operano nel sociale.

 

Per la realizzazione dei propri scopi l’associazione si propone, tra l’altro, in particolare di:

  • organizzare corsi di formazione sulla Comunicazione Facilitata;
  • favorire incontri e scambi di esperienze comuni;
  • realizzare convegni, pubblicazioni, corsi informativi, ecc.,
  • promuovere la partecipazione dei diversamente abili a corsi o lezioni di formazione culturale, sociale e professionale;

 

 

Scrivono i ragazzi:

 

IL MANIFESTO

Il Giardino del Baobab è un luogo sacro dove tutti noi,

assieme a Bruna e ad altri amici, possiamo esprimerci.

In questo posto ci sentiamo persone vere e speciali per creatività.

È il luogo dove non ti si chiede se sai fare,

è scontato, ma di fare al meglio.

A me viene detto:

“Metti tutta la tua creatività”,

ed io ci credo, lo faccio e sono felice.

È la fiducia incondizionata che crea il luogo sacro e noi

la nutriamo reciprocamente.

Un albero sacro alla cui ombra scoprire

la nostra umanità vera e finalmente comunicabile.

Il giardino è aperto, potete venire anche voi.

Vi aspettiamo per condividere la gioia.

Se venite tutti non sarà più un momento ma la normalità.

Il Giardino del Baobab ha sede nel cuore,

lì ogni differenza è una risorsa.

I ragazzi del Giardino del Baobab vi invitano

Noi tutti del Giardino del Baobab

 

Lascia una risposta